Il progetto espositivo è articolato in tre sedi: il Piccolo, il Museo Teatrale della Scala e in forma virtuale

Milano: il Piccolo Teatro e la Scala ricordano il grande regista, Giorgio Strehler, a 100 anni dalla nascita

  Cultura e società  

A 100 anni dalla nascita di Giorgio Strehler, i due Teatri milanesi il Piccolo Teatro e il Teatro alla Scala, cui il grande regista ha legato la sua esperienza nella prosa e nell’opera gli dedicano il percorso espositivo Strehler e i palcoscenici milanesi diffuso, arricchito dal contributo della Fondazione Corriere della Sera.

Milano ricorda il regista Giorgio Strehler, nato a Trieste ma diventato proprio nel capoluogo lombardo una figura centrale del Teatro Europeo: nel 1947 ha fondato il Piccolo Teatro insieme a Paolo Grassi ed alla Scala ha curato 55 regie di 33 titoli diversi tra il 1947 ed il 1990.

La città di Milanocelebra il centenario di Giorgio Strehler attraverso le iniziative congiunte dei due Teatri in cui Strehler ha operato e vissuto. - ha osservato il Sovrintendente Dominique Meyer - Nello stesso anno 1947 Strehler fonda il Piccolo con Paolo Grassi e debutta alla Scala. Il radicamento nella vita artistica e civile della città, la continuità del fare teatrale tra opera e prosa, la spinta verso una prospettiva culturale europea sono parte dell’eredità di Strehler quanto il suo specifico contributo allo sviluppo della concezione della regia. Per questo non è solo importante ricordare lo straordinario percorso artistico di Strehler, ma è importante farlo insieme, riunendo le forze culturali della città con il contributo anche della Fondazione Corriere della Sera.

Claudio Longhi, Direttore del Piccolo Teatro, ha spiegato: Il Progetto Strehler100 vive una sua nuova tappa con la mostra Strehler e i palcoscenici milanesi, un’occasione preziosa per ripercorrere, da diverse prospettive e attraverso una molteplicità di materiali (non di rado inediti), l’affascinante parabola artistica del fondatore del Piccolo Teatro di Milano. Grazie alla sinergia con il Teatro alla Scala e la Fondazione Corriere della Sera, prende corpo un viaggio suggestivo, articolato in due sezioni, che illumina il ricco universo del laboratorio creativo del Maestro, intrecciandolo al contempo alla storia della città di Milano. Se il teatro, in quanto spettacolo dal vivo, è un’arte effimera, fondata sull’hic et nunc, la mostra si propone di valorizzarne la natura anfibia, tra caducità e permanenza, ravvivando le tracce del passato e stabilendo con la figura di Strehler un dialogo contemporaneo, teso ad alimentare - con le parole di Walter Benjamin - la “fiamma vivente” che “continua ad ardere […] sulla cenere lieve del vissuto”.

La mostra Strehler e i palcoscenici milanesi, inaugurata lo scorso 4 novembre, si articola in diverse sezioni: il Teatro alla Scala presenta un allestimento “in presenza” dal titolo Strehler, il gesto, lo spazio nelle sale del Museo Teatrale e nel Ridotto dei Palchi a cura di Vittoria Crespi Morbio, e la mostra virtuale Strehler e il soffio del vero poetico, accessibile anche al pubblico globale e curata da Franco Pulcini. Il Piccolo Teatro, invece, ha allestito la mostra Amo il teatro perché amo la vita, consacrata al racconto del rapporto tra Strehler e Milano e dislocata negli spazi del Teatro Strehler, del Teatro Grassi e del Teatro Studio Melato.

La Fondazione Corriere della Sera ha collaborato con entusiasmo a questo grande progetto attraverso una ricca selezione di pagine del Corriere della Sera. - ha aggiunto il suo presidente Piergaetano Marchetti - In questo modo è stato possibile dare rilievo alla sequenza degli avvenimenti che dal Dopoguerra in avanti hanno caratterizzato la storia di Milano, mostrando al contempo alcune delle svolte che hanno segnato l’Italia: dalla ricostruzione al boom economico, dalla rinascita culturale ai fermenti degli anni Sessanta fino alla “Milano da bere”. La piccola e la grande storia si intersecano formando l’ordito e la trama di un ricco e variegato intreccio che è possibile esplorare nel percorso di mostra.

 Versione stampabile




Torna