L’Istituto Europeo di Design ha partecipato ad Aria il progetto del Campus che sorgerà nell’area dell’Ex Macello

IED: a Milano il primo campus internazionale

  Cultura e società  

Nei giorni scorsi, alla Triennale di Milano, è stato annunciato che Il progetto Aria si è aggiudicato il bando internazionale Reinventing Cities indetto dal Comune di Milano per la riqualifica dell’area Ex Macello.

Alla proposta vincitrice del Campus internazionale, di cui capofila è la società benefit Redo Sgr, ha partecipato anche l’Istituto Europeo di Design (IED).

Questo grande traguardo rappresenta un importante punto di passaggio nello sviluppo della nostra Istituzione, a conferma della forza e della capacità innovativa che da sempre fanno parte della vocazione di IED. - ha dichiarato Carlo Allorio, Presidente IED - Oggi a Milano la nostra scuola occupa poco meno di 20.000 mq, divisi in 10 siti: con questo progetto aumenteremo fino a 30.000 mq lo spazio disponibile e la nostra comunità convergerà in un unico luogo, progettato dall’Architetto Cino Zucchi al centro di un’estesa area verde.

Il nuovo Campus IED sarà uno dei più grandi Campus di Alta Formazione in Italia interamente dedicato da un’Istituzione privata alla creatività, all’arte, alla cultura, al progetto per le prossime generazioni.

Nell’area dell’Ex Macello saranno riunite tutte le sedi milanesi, che, oggi, sono distaccate e diffuse nella Città. Qui confluiranno tutto lo staff, gli studenti e i docenti, che già oggi raggiungono il numero di 5.000 persone; in un unico luogo saranno riuniti le aule, i laboratori e gli spazi dedicati, le biblioteche e ogni altro servizio: 30.000 mq nel contesto di un grande parco, progettati da CZA Cino Zucchi Architetti, nell’ambito di un’area che, abbandonate le precedenti funzioni, sarà rigenerata secondo i principi più elevati di sostenibilità ambientale e sociale dettati dalle regole del bando internazionale.

Questa vittoria significa per la Città di Milano che il Campus IED contribuirà, insieme con gli altri partecipanti al progetto, a far rivivere, riqualificare, ripopolare le grandi aree dismesse del quartiere di Calvairate, e che l’investimento su questo territorio passerà anche da un rilevante polo di formazione destinato ai giovani.

Insieme a Redo Sgr, società benefit capofila della proposta e all’Istituto Europeo di Design, il progetto Aria coinvolge: CA Ventures, E.ON, Deltaecopolis, CCL, mentre i progettisti sono gli studi di architettura Snøhetta Oslo, nel ruolo di lead architect, Barreca & La Varra, CZA Cino Zucchi Architetti, Stantec e Chapman Taylor Architetti.

 Versione stampabile




Torna