Il tradizionale programma di cortometraggi svizzeri e internazionali, che nel 2020 festeggia il 30° anniversario, quest’anno sarà fruibile in digitale

A Locarno 2020 i Pardi di domani saranno online

  Cultura e società  

“Locarno 2020 - For the Future of Films” includerà, tra i vari progetti, anche la sezione Pardi di domani. Il tradizionale programma di cortometraggi svizzeri e internazionali, che nel 2020 festeggia il 30° anniversario, quest’anno sarà infatti fruibile in digitale. Tra il 5 e il 15 agosto le opere selezionate saranno disponibili per un numero limitato a 1’590 spettatori per cortometraggio su una piattaforma accessibile in tutto il mondo. Un modo per garantire visibilità al formato breve e per ribadire lo spirito di scoperta e l’attenzione verso i nuovi talenti del Festival. In palio, come ogni anno, i quattro Pardini principali e altri premi secondari.

Il cortometraggio è il terreno di sperimentazione per eccellenza a cui il Locarno Film Festival farà onore anche nel 2020. Un formato che se per molti cineasti è stato il trampolino di lancio verso il lungometraggio, per altri continua a rappresentare una precisa scelta linguistica ed espressiva. Per questo, in un progetto orientato all’avvenire come Locarno 2020 - For the Future of Films, un posto d’onore sarà riservato al concorso Pardi di domani, vivaio di talenti del Locarno Film Festival che proprio quest’anno vive la sua 30esima edizione. Questa sezione, dedicata a corti provenienti da tutto il mondo, permette ogni anno ai cineasti selezionati di acquisire credibilità in ambito internazionale e di gettare le basi dei loro progetti futuri.

Il contesto di crisi sanitaria ha spinto il Locarno Film Festival a rilanciare il proprio impegno nella promozione del cinema indipendente e per il programma dei corti lo farà sfruttando le tecnologie digitali e le modalità di fruizione a distanza. Il formato breve può infatti adattarsi perfettamente al web e ai moderni processi di condivisione tra utenti. Forte della riflessione intrapresa con vari protagonisti dell’industria, tra cui altri importanti festival che hanno garantito di considerare anche i corti presentati a Locarno, il Festival si è mosso in una direzione che prima di ogni altra cosa tuteli i cineasti.

La Direttrice artistica del Locarno Film Festival, Lili Hinstin: “Abbiamo ritenuto che il Festival fosse in grado di apportare qualcosa di concreto e importante in quel laboratorio creativo straordinario che è il formato breve e, nello spirito di utopia proprio di Locarno, abbiamo scelto di tornare al concetto originale di Internet quale spazio di condivisione del sapere senza confini e senza gerarchie. Con il concorso dei Pardi di domani online tenteremo, insieme ai registi, di vivere un’esperienza unica e particolare nella storia del Festival”.

Il programma e i percorsi per lo spettatore

I Pardi di domani di Locarno 2020 ricorreranno quindi alla rete per costruire spazi di incontro tra autori e spettatori e creare itinerari tra un film e l'altro. Come ogni anno il programma sarà composto da film svizzeri e internazionali, selezionati tra quelli che verranno iscritti fino al prossimo 3 giugno. Tutti i cortometraggi in concorso saranno visibili gratuitamente tra il 5 e il 15 agosto 2020 su una piattaforma accessibile in tutto il mondo, senza vincoli geografici. Attraverso la prenotazione di un posto sarà possibile assicurarsi una visualizzazione tra le 1’590 previste per ciascun corto, pari al numero di spettatori fisici che ogni anno, a Locarno, può assistere alle proiezioni dedicate ai cortometraggi. I film saranno accompagnati da altri contenuti audiovisivi, tra cui anche conversazioni con gli autori. Il Festival sta inoltre lavorando insieme ai propri partner a una possibile circuitazione dei corti nelle sale svizzere nei i mesi successivi a Locarno 2020.

Il Comitato di selezione dei Pardi di domani, composto da Tizian Büchi, Liz Harkman, Stefan Ivančić e la portavoce Charlotte Corchète: "Il nostro obiettivo è rendere questa edizione un'esperienza unica per i registi e il pubblico. Proporremo molteplici opportunità, al di là della selezione del concorso, per offrire ad ogni film una piattaforma e un posto nella storia del Festival. Ci auguriamo che questo momento unico ci permetta di raggiungere un pubblico il più ampio possibile all’interno di tutta la comunità cinematografica internazionale".

I premi

La giuria Pardi di domani assegnerà i quattro premi principali seguenti, mentre i nomi dei giurati e i premi secondari verranno annunciati nelle prossime settimane.

Pardino d’oro Swiss Life per il miglior cortometraggio svizzero (10’000 CHF);

Pardino d’oro SRG SSR per il miglior cortometraggio internazionale (10'000 CHF);

Pardino d’argento Swiss Life per un cortometraggio svizzero (5’000 CHF);

Pardino d’argento SRG SSR per un cortometraggio internazionale (5’000 CHF)

Il progetto Pardi di domani, è realizzato anche grazie al supporto di Swiss Life e SRG SSR, che hanno voluto rimanere accanto agli autori dei cortometraggi anche durante Locarno 2020 - For the Future of Films.

Per maggiori dettagli sulle modalità di visione e sull’iscrizione dei corti al concorso: www.locarnofestival.ch/PardiDiDomani

www.locarnofestival.ch

 Versione stampabile




Torna