Nel film, tratto dal romanzo di Nicholas Sparks, due persone scoprono che nella vita c’è sempre una seconda occasione per trovare l’amore vero

Come un uragano (Nights in Rodanthe)

  Cultura e società  

Richard Gere e Diane Lane sono di nuovo insieme: una donna separata riscopre la vita grazie all´incontro con un medico in crisi con suo figlio.

Adrienne (Diane Lane), una donna che si sta ancora riprendendo dal tradimento del marito e sta cercando di rifarsi una vita, ha appena saputo che lui vuole tornare a casa. Combattuta fra sentimenti contrastanti, accoglie con piacere la richiesta di una vecchia amica che la vuole ospite del suo albergo a Rodanthe per un fine settimana. Adrienne spera di trovare la tranquillità di cui ha bisogno per ripensare alla propria vita.

La stagione è finita e l’albergo riapre solo per l’arrivo di Paul (Richard Gere), un medico che per tanto tempo ha sacrificato la famiglia per la carriera, e ora arriva a Rodanthe per adempiere ad un compito difficile ed affrontare una crisi di coscienza.

Sono due estranei sotto lo stesso tetto. Ma quando si avvicina un uragano, si stringono l’uno all’altra per farsi coraggio e nasce una storia d’amore che cambierà le loro vite.

E’ una storia d’amore per adulti – spiega Richard Gere – Sono persone con un passato alle spalle e non stanno cercando una relazione che dia loro una dimensione. Eppure è proprio una relazione che cambia il loro modo di considerare se stessi e che modificherà il corso della loro vita al di là del tempo che trascorrono insieme.

Il film è diretto da George C. Wolfe, da una scheggiatura di Ann Peacock e John Romano e prodotto da Denise Di Novi. Tra gli interpreti anche Christopher Meloni, Viola Davis, Becky Ann Baker.

Melò tradizionale, pudico, senza passione, manieristico: purtroppo quando gli attori piangono a noi viene da ridere e viceversa.

 Versione stampabile




Torna