Il film di genere fantastico e romantico, con Vincent Cassel e Léa Seydoux, remake cinematografico del grande classico “La Bella e la Bestia” è nelle sale dal 27 febbraio distribuito da Notorious Pictures

La Bella e la bestia di Christophe Gans

  Cultura e società  

Siamo nella Francia di inizio secolo quando, dopo aver perso la sua fortuna in mare, un mercante (André Dussolier) è costretto a ritirarsi in campagna con i suoi sei figli. La più giovane è Belle (Léa Seydoux), una ragazza bella come nessun'altra.

Durante un trasferimento dalla città in campagna il padre scopre il castello della Bestia (Vincent Cassel) che lo condanna a morte per aver rubato una rosa per la figlia. Belle decide di offrire la propria vita in cambio di quella del genitore: per salvarlo dalle grinfie della temuta Bestia, Bella prende il suo posto come prigioniera in un castello un tempo spendente, ma ormai in rovina.

Non è, però, la morte ciò che l'attende …

Il regista Christophe Gans, pur memore della versione disneyana e di quella di Jean Cocteau, da ampio spazio alla causa della maledizione caduta sulla Bestia. al padre di Belle, ai suoi fratelli e alle sorelle (Audrey Lamy e Sarah Giraudeau), che sembrano le sorellastre di Cenerentola. Da sottolineare anche la prestazione di Eduardo Noriega nei panni del cattivo.

Il film ci è apparso debole, sovrabbondante di citazioni tratte da altri film.

 Versione stampabile




Torna