FOCUS ON LINE - RIVISTA N° 7, 28 luglio 2021

Casa e arredo, Tendenze

Milano, Piazza Gorani: Lapalma
Una nuova design destination a Milano

Italo Calvino nel romanzo “Le città invisibili” ha scritto: Ogni volta che si entra nella piazza ci si trova in mezzo a un dialogo”.

Pensando a Piazza Gorani non si può che essere d’accordo.

È qui, nel distretto delle 5vie, che Lapalma ha scelto di abitare, aprendosi al dialogo con la community creativa, con gli architetti e con la città.

In questa piazza al cuore della Milano più autentica, tra gli edifici ottocenteschi, la torre medievale, i reperti di epoca romana e le nuove residenze contemporanee, infatti, l’azienda veneta ha inaugurato a giugno 2019 RIVIERA, destination per la design community e suo primo indirizzo milanese.

Sempre qui, accanto a RIVIERA, ad aprile 2021, è nato Lapalma for Architects, un nuovo spazio dedicato alla progettazione.

Se RIVIERA, sotto la direzione artistica di Simple Flair, si propone come luogo contenitore di appuntamenti, attività e punto di riferimento per la scena creativa in città, Lapalma for Architects risponde, invece, all’esigenza dell’azienda di dedicare tempo e spazio agli architetti e interior designer che desiderino personalizzare i propri progetti con gli arredi Lapalma.

Lapalma for Architects, dunque, è un luogo dove esplorare le possibilità progettuali offerte dai sistemi e dagli arredi Lapalma e poter toccare con mano i materiali, lasciandosi ispirare da differenti combinazioni e possibili varianti di finiture. Lo spazio, disegnato da Francesco Rota, offre agli architetti spunti e dettagliate risposte.

Oltre agli Spaces di riferimento del brand (Home & Lounge, Café e Light Office), presentati in un ambiente fluido, interrotto solo da pannelli microforati, dove spiccano i toni caldi dei rossi e dell’arancio combinati al grigio sabbia, gli architetti hanno a disposizione anche una parete, espressamente pensata per entrare nel vivo del progetto. Qui trovano posto il Material Lab, un sintetico display del campionario dei materiali - dai metalli alle essenze dei legni, dai tessuti alle campionature di vernici e lacche - e delle differenti finiture proposti dall’azienda, e il Tech Lab, dove l’eccellenza produttiva di Lapalma viene presentata attraverso alcuni dettagli che ne identificano la sofisticatezza.

Da RIVIERA, l’hub creativo fondato e diretto da Simple Flair e primo indirizzo milanese di Lapalma la mostra ALONE TOGETHER, che racconta un progetto speciale, nato in Colombia durante la quarantena che ha coinvolto tutto il mondo, voluto e realizzato da Natalia Criado, designer colombiana che vive a Milano, e dell’architetto Pietro Minelli che hanno abitato a Raquira, paesino vicino a Bogotà noto per l’arte ceramica. L’isolamento forzato in un luogo di grande ricchezza culturale ha ispirato a Natalia e Pietro l’idea di investire su un progetto no profit che rivaluti il concetto di arte e scultura come mezzo per avvicinare le persone, seppure nella lontananza fisica. I due hanno, così, lanciato una call internazionale ai designer con l’obiettivo di dar vita ad una produzione collettiva, che ha coinvolto gli artigiani locali nella realizzazione di 100 progetti provenienti da autori di tutto il mondo. Oggi alcuni dei pezzi sono protagonisti, nello spazio di via Gorani, della mostra che i due fondatori del collettivo ALONE TOGETHER hanno organizzato insieme a Caterina Licitra Ponti, product manager del progetto.

Con RIVIERA abbiamo abbracciato un concept innovativo di spazio connesso e aperto alla creatività dove le nostre proposte sono a servizio delle persone e degli incontri. - spiega Romano Marcato, fondatore e titolare di Lapalma con il fratello Dario - Con Lapalma for Architects invece, più concretamente, ci mettiamo a disposizione dei progettisti, per raccontare loro le peculiarità delle nostre collezioni, il nostro modo di lavorare, la nostra qualità produttiva, i nostri mondi di riferimento.

Piazza Gorani si apre alla città anche grazie ad una serie di appuntamenti e di allestimenti pensati ad hoc da Lapalma, dove le collezioni outdoor del marchio (tavoli, sedie, sistemi di seduta e accessori) abitano lo spazio e accolgono il pubblico con la consueta sobria eleganza.

Una tripla presenza che riscopre la piazza nel suo significato più autentico di luogo di incontri, scambio, creatività, e non da ultimo umanità. Nella convinzione che il design debba, oggi più che mai, vivere di ricerca e contaminazione in più ambiti.