FOCUS ON LINE - RIVISTA N° 1, 7 gennaio 2015

Tecnologia, Vetrina di prodotti

Hi-Code, il primo qr code ... parlante
Progettato da un ingegnere italiano, Hi-Code evolve il concetto di codice multimediale per offrire nuove opportunitĂ  alle aziende e regalare un mondo di emozioni agli utenti

In principio fu il QR Code. Basta scaricare una semplice app per collegarsi a Internet e scoprire i contenuti “nascosti” nel particolare codice in bianco e nero. Semplice e geniale, ma non certo emozionale, né appealing dal punto di vista visivo; infatti in un QR Code è impossibile integrare una call to action, o anche solo una frase o un’immagine.

Ed è proprio in questo senso che Hi-Code può essere considerato la sua evoluzione: completamente personalizzabile e 100% visual, comunica il proprio scopo e attrae l’attenzione di chi lo vede. Una soluzione fruibile non solo dalle aziende in cerca di strumenti di comunicazione in grado di creare engagement, ma anche per gli utenti che, sempre più lontani dall’essere “target”, diventano parte attiva dell’interazione con uno strumento emozionale che possono utilizzare a loro volta.

Hi-Code infatti prima di tutto comunica e lo fa a partire dalla creazione di un codice e fruizione dello stesso semplici e immediate. Ecco come funziona: si accede con account personale a una piattaforma online; si decide che tipo di contenuto comunicare attraverso Hi-Code (per esempio: Vinci Subito, Scopri la novità, Scansiona e ottieni il coupon, ma anche visita il mio profilo Facebook o guarda anche tu questo video); si inserisce l’url di atterraggio cui verrà indirizzato chi scansionerà quel particolare Hi-Code e si attende che l’Hi-Code venga generato; si configura l’Hi-code decidendo se far visualizzare lo stesso contenuto a tutti gli utenti oppure personalizzarlo in base alla zona geografica o al giorno o ad altri parametri presenti sulla piattaforma. A quel punto basterà inserire Hi-Code in una qualsiasi comunicazione online oppure offline (campagna adv, prodotto, volantino, sito web, ecc.) e invitare i propri utenti a scaricare gratuitamente l’app iOS o Android sui propri smartphone

Per le aziende è un’ottima opportunità, perché oltre a incentivare il consumatore a scansionare il codice grazie a una call to action ben precisa permette di monitorare l’efficacia della campagna e profilare l’utente. Attraverso l’apposito pannello di controllo, infatti, sarà possibile avere dati e statistiche aggiornate sulle scansioni degli utenti e, grazie al sistema di notifiche push, comunicare direttamente sullo smartphone di ciascuno inviando offerte su misura o segnalazioni di nuovi prodotti di suo interesse.

Per gli utenti è uno strumento di comunicazione e intrattenimento innovativo, da utilizzare liberamente per linkare agli amici un proprio video a sorpresa, un messaggio, un’immagine o un’anteprima dal proprio blog, profilo Facebook… o di qualunque altro social!

Ispirato da un viaggio nella Silicon Valley, la mecca della tecnologia USA, Hi-code è un perfetto esempio di genialità italiana che ha realizzato, però, in Europa, il suo sogno americano. Nel 2013 Gianluca Vitali è un giovane ingegnere bergamasco laureato al Politecnico e con un MBA conseguito al MIP che lavora come consulente per aziende multinazionali. Durante un incontro al Politecnico, scopre che Innovits, realtà non profit che sostiene le start up innovative, organizza un tour in Silicon Valley per giovani imprenditori e decide di partire per farsi venire un'idea che possa aiutarlo a mettere a frutto la sua esperienza. E proprio durante il tour, nasce l'idea: creare un nuovo QR Code contenente immagini e che consenta alle aziende di ricontattare gli utenti che lo inquadrano. Tornato in Italia, partecipa a un weekend start up e vince il 3° premio. Lì conosce Lisanna Oddone, alla ricerca di innovazioni digitali per la propria realtà di promozioni multicanale, la Digitalblend, che crea l’identità del prodotto e le caratteristiche chiave, dando vita a quello che è oggi Hi-code. Insieme trovano 3 investitori e qui entra in gioco l’Europa: preso atto delle difficoltà esistenti nell’aprire una start up innovativa in Italia, decidono di puntare su Londra. Nasce così la GV Mobile Partners LTD.

Info: www.hi-code.net/.