FOCUS ON LINE - RIVISTA N° 9, 7 giugno 2014

Cultura e società, Cinema, teatro e spettacoli vari

Sipario Musicale: XXV edizione del Ravenna Festival
Due straordinari concerti sinfonici diretti da Riccardo Muti

Sempre puntuale all'appuntamento con i grandi eventi della storia della musica, Il Sipario Musicale non poteva di certo mancare ai due memorabili concerti in occasione del 25° compleanno del Ravenna Festival, manifestazione tenuta a battesimo nel 1990 da Riccardo Muti e divenuta nel tempo una delle rassegne maggiormente seguite e apprezzate a livello internazionale. È anche grazie al forte richiamo dei suoi appuntamenti se durante questi cinque lustri di attività l’antica capitale dell’Impero bizantino d’Occidente è diventata una moderna capitale della musica: una Città d’Arte a 360 gradi per 365 giorni all'anno.

L'occasione è dunque quella di fare festa, insieme al Maestro Muti, ma anche di fare memoria, come sempre accade seguendo le linee artistiche della manifestazione ravennate sin dalla sua prima edizione.

Il primo viaggio organizzato dal Sipario Musicale (30 giugno / 1 luglio 2014) è infatti incentrato sullo storico evento con cui il Ravenna Festival rende omaggio al direttore d'orchestra Claudio Abbado. A questo concerto Riccardo Muti intende conferire un significato particolare attraverso un gesto di simbolica reciprocità: nell’ottobre del 2008 il Maestro Abbado aveva infatti invitato l'Orchestra Cherubini (fondata da Muti) a unirsi all’Orchestra Mozart, da lui stesso voluta e creata, per l’esecuzione del Te Deum di Berlioz; ora il Maestro Muti invita la Mozart a unirsi alla Cherubini in un tributo al grande direttore recentemente scomparso, da Muti definito come un compagno di viaggio in quel meraviglioso e sconfinato paese che è la Musica.

La colonna sonora di questa memorabile serata verrà offerta dalla Sinfonia n. 5 di Pëtr Il'i ajkovskij e dal Concerto per pianoforte e orchestra n. 3 di Ludwig van Beethoven, straordinario capolavoro che vedrà impegnato nella veste di solista il francese David Fray.

Appuntamento con la storia, e con uno dei suoi capitoli più bui e drammatici, per il secondo viaggio firmato dal Sipario Musicale (5 / 6 luglio 2014). Al cuore dell'evento il concerto principale che riprende il tema della XXV edizione del Ravenna Festival: “1914: l'anno che ha cambiato il mondo”. E proprio in memoria dei caduti della Prima guerra mondiale, a cento anni esatti dal suo tragico inizio, è dedicato il grande concerto che vedrà nuovamente sul podio Riccardo Muti: sui leggii la Messa da Requiem di Giuseppe Verdi, meditazione musicale di elevata spiritualità sul mistero del destino dell'esistenza umana.

Altamente simbolico anche il ruolo giocato dagli interpreti che, oltre ad annoverare l'Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, l'European Spirit of Youth Orchestra e un quartetto di cantanti solisti (formato dal soprano Tatiana Serjan, dal mezzosoprano Daniela Barcellona, dal tenore Saimir Pirgu e dal basso Riccardo Zanellato), prevede anche la presenza di strumentisti e coristi provenienti dalle nazioni che presero parte al conflitto, tra i Berliner Philharmoniker e i Wiener Philharmoniker, la Chicago Symphony Orchestra, l'Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo e l'Orchestre National de France.

In occasione dei concerti del Ravenna Festival diretti da Riccardo Muti, per entrambi i viaggi individuali Il Sipario Musicale garantisce i biglietti di categoria superiore e il pernottamento in una struttura di assoluto comfort come l’Hotel Santa Maria Foris****S.