RISOTESTA a Parigi per la Settimana della Cucina Italiana nel mondo

27/11/2019

Dal 18 al 24 novembre Parigi ha accolto il meglio della cucina Italiana per la Semaine de la Cuisine Italienne dans le monde, RISOTESTA era presente in un evento a chiusura della settimana.

Facendo seguito al successo delle prime tre edizioni organizzate in più di 100 Paesi con oltre 2000 eventi, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Ministero degli Affari Stranieri Italiano, con il Ministero dell’Agricoltura e i Ministeri tecnici del settore hanno lanciato la quarta edizione da lunedì 18 novembre fino a domenica 24 novembre.

In sinergia con le istituzioni di ogni Paese, l’obiettivo è promuovere l’enogastronomia italiana d’eccellenza.

Il Consolato Generale d’Italia a Parigi associato all’ambasciata d’Italia, l'ICE-Italian Trade Promotion Agency, l'ENIT, l'Institut Culturel Italien, l’Accademia della Cucina italiana e numerosi altri partner e organizzazioni, ogni anno danno vita a diverse iniziative eno-gastronomiche, non solo a Parigi, ma anche in diverse città con eventi di rilievo, come è stato a Lille con quello dedicato al pesto, o con gli altri nell’ambito dell’anno leonardesco.

Il riso è fra i protagonisti della Settimana della Cucina Italiana nel mondo, L’edizione di quest’anno è dedicata all’educazione alimentare e il riso rientra perfettamente fra i cibi salutari. Bilanciato, con buone qualità nutritive, è adatto anche a chi ha allergie e intolleranze, ed è una valida alternativa come piatto unico. Consumato in tutto il mondo per accompagnare altri cibi, solo in Italia è servito in preparazioni particolari come il risotto, con varietà spesso sconosciute all’estero.

RISOTESTA è stato presente in un evento a chiusura della settimana, domenica 24 novembre presso Cuisine Italienne Paris, 61 Rue Boursault, 17ème, metro Rome, linea 2 Atelier dalle 11 alle 14, su invito organizzato da Sania Rania e Domenico Cutellé per la presentazione del progetto Du Riz in collaborazione con la designer italiana Eliana Maria Lorena, con il riso di varietà Baldo che verrà impiegato in una ricetta di risotto dolce.