Nasce MULA, la Borsa del Turismo del Centro Italia

13/07/2018

Dedicata a 4 regioni: Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, nasce a San Benedetto del Tronto la Borsa del Turismo del Centro Italia, per valorizzare le aree colpite dal terremoto

Trasformare una calamità in risorsa e creare un’occasione per riscoprire e valorizzare quelle terre dell’Italia Centrale che riservano veri tesori in termini di cultura, storia, arte, borghi antichi, attività produttive, artigianali, enogastronomiche.

E’ questa la “mission” della Borsa del Turismo del Centro Italia, che si svolgerà dal 24 agosto al 2 settembre nel Centro Agroalimentare di San Benedetto del Tronto, ideata da Inside Marche che riunisce un gruppo di Tour Operator, e sostenuta con un importante supporto economico dal Comitato Sisma Centro Italia, Confindustria, CGIL, CISL,UIL e dalla CM Viaggi.

Inside Marche sta provvedendo per coinvolgere CRAL e Associazioni, Tour Operator nazionali e Internazionali e allestire l’expo village, sia per la parte più basicamente organizzativa, sia avviando un Tour pre-fieristico che con un camper sosterà nelle aree del cratere sismico per diffondere notizie e informazioni sull’evento.

Mula, l'acronimo scelto per l'evento, (Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo), avrà due anime: una b2c e una b2b, con workshop, seminari ed educational proposti a oltre 50 tour operator stranieri e Cral italiani. E sarà anche un attrattore per tutta la popolazione della zona, oltre che per la folta rappresentanza di turisti che in quel periodo sono presenti sulla costa.

Accanto alle presentazioni dirette degli espositori, si svolgeranno Convegni e Incontri, utili a formare e informare sul passato, la realtà presente, e soprattutto il futuro possibile di questa area.

Anche in considerazione del fatto che le quattro regioni, racchiuse nel brand MULA, finalmente, raro esempio italiano di sistema solidale, rappresentano la possibilità di fruizione da parte del viaggiatore per 365 giorni l’anno, consentendo grande facilità di destagionalizzazione, soprattutto per i mercati stranieri