Dal 29 maggio è nelle sale cinematografiche il film della registaAnne Fontainesulla vita di Gabrielle Coco Chanel, interpretata dall’attrice Audrey Tautou, prima di diventare una stilista di fama mondiale

Coco Avant Chanel: l’amore prima del mito

  Cultura e società  

Il film Coco Avant Chanel parla del periodo di formazione di Coco Chanel, prima che diventasse famosa, racconta gli amori, le gioie, le esperienze drammatiche e i luoghi che hanno formato il gusto e lo stile di Coco Chanel.

Gabrielle Coco Chanel arrivò, da piccola, in un orfanotrofio della Francia centrale insieme a sua sorella, nell’attesa invana del ritorno del padre. Coco Chanel è cresciuta da sola e, per mantenersi, ha provato, inizialmente, a fare la cantante, con una voce fioca, nei locali frequentati da soldati ubriachi insieme con la sorella, poi è stata un’umile sartina, che sembrava destinata a cucire degli orli nel retrobottega di un sarto di provincia, quindi un’aspirante cortigiana, che ha trovato rifugio tra gli ozi e i piaceri del suo protettore Etienne Balsan (Benoit Poelvoorde), ed ancora … una donna innamorata, ma consapevole di non poter essere mai la donna di qualcuno, neanche di Boy Capel (Alessandro Nivola), l’uomo che l’amava, ma era sposato, e che aveva finanziato le sue prime collezioni.

Il film racconta la storia Coco Chanel, una donna ribelle, che lottò contro le regole di una società rigida, come i bustini che prescriveva alle donne e contro le convenzioni di un´epoca dal forte stampo maschilista, che si vestiva con le camicie dei suoi amanti, che, da ostinata orfana, attraverso un percorso straordinario, è diventata la leggendaria creatrice dell’alta moda che ha incarnato la donna moderna ed è diventata un simbolo di successo, libertà e stile.

L’interprete femminile, Audrey Tautou, dà grande prova delle sue capacità interpretative.

 Versione stampabile




Torna