La stagione dell´Asparago Bianco DOP di Bassano sta scoppiando, tutti pronti ad “assaggiare” l´onda d´urto! Come si sa, l´asparago per essere memorabile va mangiato entro 48 ore dalla raccolta, quindi sotto a chi tocca! Con il 19 marzo, giorno di san Giuseppe, a Bassano del Grappa si è aperto il periodo del turione, che dura tradizionalmente fino al 13 giugno, giorno di Sant´Antonio. A questa delizia dell´enogastronomia, che nell´area del Consorzio di Tutela gode della Denominazione di Origine Protetta, il Gruppo Ristoratori Bassanesi dedica la rassegna A tavola con l´Asparago Bianco di Bassano – Asparagi e Vespaiolo. Tre mesi per solleticare l’appetito con i manicaretti degli chef ma anche per fare scorpacciate di asparagi “alla bassanese”, cioè lessati ed accompagnati da uova sode a piacere, o di impareggiabili risotti agli asparagi quali solo in riva al Brenta si sanno preparare.

Da marzo, infatti, nei ristoranti del Gruppo Ristoratori tutti i giorni nel periodo della rassegna sarà possibile pranzare o cenare con piatti alla carta o menù degustazione, dai più semplici ed economici ai maggiormente elaborati, che avranno sempre come protagonista l´Asparago Bianco di Bassano DOP. Oltre a ciò, a un calendario di serate “di gala”, espressamente dedicate al croccante germoglio e al Vespaiolo di Breganze DOC, vino bianco fresco e caratteristico, autoctono dell´area, che nello sponsale con il prelibato ortaggio bassanese trova il coronamento di un sogno d’amore.

 Versione stampabile




Torna